Il Messaggero

02 08 2003

ITALIA

solo versione testo

only text mode

“Lapilli” è un inno d’amore per un’isola affascinante e tormentata, scandito al ritmo di un ricchissimo apparato strumentale

 

 

All’anfiteatro Fausto i “Lapilli” di Leo Gullotta

 

 

E’ sicuramente uno degli appuntamenti più attesi e complessi di questa edizione di Maree, quello musicale-letterario con Leo Gullotta e l’ensemble degli Al Quantarah che si terrà domani, alle 21.30, all’Anfiteatro Fausto.

Lo spettacolo sarà preceduto alle 18.30 da una visita guidata all’interno dell’anfiteatro e da una degustazione di vini siciliani (per prenotazioni 0744/426743). Dall’incontro tra un attore siciliano, Leo Gullotta, e un ensemble di musica siciliana antica, gli Al Qantarah, nasce “Lapilli” - Voci e Suoni dall’Isola, un percorso poetico-musicale che parte da Federico II e Cielo d’Alcamo, incontra Tomasi di Lampedusa e sfocia nella forza corrosiva dei versi di Buttitta e nella prosa travolgente di Andrea Camilleri.

“Lapilli” è un inno d’amore per un’isola affascinante e tormentata, scandito al ritmo di un ricchissimo apparato strumentale. Il Gruppo di Al Qantarah (termine arabo che significa “Il ponte”) svolge da qualche tempo un lavoro di ricerca e riproposta musicale, centrato sulla Sicilia medievale.