godot news

04 08 2003

ITALIA

 

clicca sull'immagine per accedere all'articolo in versione pdf

click on the picture to access the article in pdf mode

Una sorta di inno d'amore per la Sicilia: la musica accompagna e scandisce il tempo della lettura riuscendo a creare un'immagine di un'isola traboccante al tempo stesso d’Amore e di Contraddizioni

 

 

Leo Gullotta guida un percorso poetico fra i 'lapilli' della sua Sicilia

 

Ultima settimana de 'La Notte dei Poeti' al Teatro Romano di Nora. In scena con l'attore siciliano, domani e mercoledì alle 21.30, il quartetto 'Al Qantarah'. Prosegue il Festival 'La notte dei poeti' nella splendida e suggestiva cornice del teatro romano di Nora, con 'Lapilli' uno spettacolo che combina magistralmente le suggestioni della parola e la potenza del canto: un percorso poetico-musicale che unisce la forza evocativa, creata attraverso una lettura modulata, di cui si fa interprete Leo Gullotta con l'ensemble di musica siciliana antica, gli 'Al Qantarah'. Versi di Ignazio Buttitta e prosa di Andrea Camilleri. Regia di Fabio Grossi. Nasce così 'Lapilli', Voci e suoni dall’Isola (la Sicilia), in scena domani e mercoledì alle ore 21.30: un percorso letterario-musicale che, guidato dall'attore siciliano, parte da Federico II e Cielo D’Alcamo, incontra Tomasi di Lampedusa e sfocia nella forza corrosiva dei versi di Buttitta e nella prosa travolgente di Andrea Camilleri. Una sorta di inno d'amore per la Sicilia: la musica accompagna e scandisce il tempo della lettura riuscendo a creare un'immagine di un'isola traboccante al tempo stesso d’Amore e di Contraddizioni. 'Al Qantarah' è composto da Fabio Accurso Ud, daf, voce, Roberto Bolelli Voce, scattagnetti, Igor Niego Tammureddu, tammorra, riqq, Donato Sansone Friscalettu, daf, synphonia, voce, Fabio Tricomi Kamanceh, daf, marranzanu, tammureddu, ud, ciaramedda.