Amadeus

ago/aug 2006

ITALIA

 

clicca sull'immagine per accedere all'articolo in versione grafica

click on the picture to access the article in graphics mode

Disco interessantissimo e, diciamolo, un bel po' forte. Vale decisamente un ascolto

Una Sicilia la cui impronta multietnica forgia con grande forza questa interpretazione

Un coacervo di strumenti e di voci terragni, volutamente "non educati", che solo l'eredità orale ha custodito come tracce impagabili della nostra identità

Altri gruppi in Europa conducono indagini in questa direzione. Fa piacere un contributo italiano.

 

 

ANONIMO. Troparium de Catania

Al Qantarah

Promo Music / 003 / Distr: Egea / DDD / Libretto: buono / Italiano
Artistico *****

Tecnico *****

 

Disco interessantissimo e, diciamolo, un bel po' forte. Vale decisamente un ascolto poiché evoca un patrimonio canoro per lo più scomparso. SI tratta di tre preziose testimonianze manoscritte che contengono musica per la liturgia latina in uso in Sicilia tra il 1100 e il 1160: i Tropari Siculo-Normanni. Questa triade oggi conservata alla Biblioteca Nazionale di Madrid, non si segnala tanto per le intonazioni tradizionali dell'ordinario della Messa, quanto per il cospicuo numero di canti con tropi. Cioè con versi che integrano canti preesistenti, per lo più destinati a importanti solennità dell'anno liturgico di netta impronta pubblica. Ovvero in situazione ideale affinché il lato più difficilmente ingabbiabile del Medioevo, e a nostro avviso tra i più affascinanti, esploda: ciò che è scritto si unisce a ciò che non lo è; ciò che è ufficiale a ciò che, per natura estemporanea, sfugge al controllo della cultura del potere; ciò che è di palazzo a ciò che è di strada; ciò che è di chiesa, assaporato dallo stile contemplativo della tradizione della Schola Cantorum, a ciò che in quello spazio irrompe segnato da suoni altri. Suoni di una Sicilia la cui impronta multietnica forgia con grande forza questa interpretazione accostando le tradizioni isolane a quelle arabe e persiane in un coacervo di strumenti e di voci terragni, volutamente "non educati", che solo l'eredità orale ha custodito come tracce impagabili della nostra identità. Altri gruppi in Europa conducono indagini in questa direzione. Fa piacere un contributo italiano.

n.s. (Nicoletta Sguben)