Classic@ Planet

(2000)

ITALIA

 

clicca sull'immagine per accedere all'articolo in versione pdf

click on the picture to access the article in pdf mode

Un disco ricco di fascino e di contaminazioni musicali

La musica fluisce vivida e palpitante, per niente imbalsamata, capace con la sua ricchezza ritmica di toccare sensi e immaginazione

 

 

Abballati, abballati! Canti e suoni della Sicilia Medievale
Al Qantarah (Fabio Accursio, Roberto Bolelli, Farzaneh Joorabchi, Nico Staiti, Donato Sansone, Faisal Taher, Fabio Tricomi)
Fonč
Registrazione: dic. 98-genn. 99, Castello Ursino, Catania Fonč / 1cd / durata: 1.14.59 / codice: 99 F 07 / Stereo / DDD / Libretto: Buono

 

Un disco ricco di fascino e di contaminazioni musicali. La Sicilia emerge da questo ricco repertorio che affianca canti sacri e canti profani come un crocevia attraverso cui transitano civiltā diverse, quella araba, bizantina, provenzale, normanna, trovando al loro passaggio un terreno permeabile, capace di assimilarne le forme e di innestarle nella propria cultura. Due sono le fonti cui attinge il disco: il Troparium de Catania del secolo XII e il Corpus di musiche popolari siciliane curato da Alberto Favara nel secolo scorso. Per la scelta degli strumenti poi, da quelli del medioevo colto a quelli popolari siciliani e orientali, i musicisti si sono basati su quanto suggerito dalle raffigurazioni della Cappella Palatina di Palermo. Il rischio di una simile operazione poteva essere l’asetticitā documentaria del reperto etnomusicologico, ma cosė non č. Non che manchi, intendiamoci, rigore filologico, ma la musica fluisce vivida e palpitante, per niente imbalsamata, capace con la sua ricchezza ritmica di toccare sensi e immaginazione. La registrazione, effettuata con i microfoni a valvole tanto cari a Ricci, nelle sale del Castello Ursino fatto costruire a Catania da Federico II, č eccellente per ambienza, pulizia del suono, localizzazione degli strumenti.